Placca dentale e tartaro: cause, prevenzione e rimozione

Placca dentale e tartaro

Che cos’è la placca dentale?

Ti sei mai chiesto cosa sia effettivamente la placca dentale? La placca dentale, nota anche come patina dentaria, placca batterica o biopellicola orale dentale, è una sostanza morbida ed appiccicosa che si accumula sui denti. La placca è un deposito estremamente appiccicoso, di colore giallo pallido che si forma regolarmente sui denti. Quando saliva, cibo e fluidi si combinano, producono depositi di batteri che si raccolgono nel punto in cui si incontrano i denti e le gengive. La placca contiene batteri in grado di produrre acidi che attaccano lo smalto dei denti e possono quindi danneggiare le gengive. Se non trattato, il danno potrebbe diventare permanente. Questa infatti contiene milioni di batteri che si nutrono dello stesso cibo e bevande di cui si nutre l’individuo ogni giorno. Se i depositi di batteri dalla placca presenti sui denti non vengono rimossi mediante la spazzolatura ed il filo interdentale, questi potrebbero causare la caduta dei denti, malattie delle gengive e accumulo di tartaro.

La placca dentale porta alla formazione del tartaro

Nel tempo, se la placca non viene rimossa regolarmente, i minerali della saliva vengono depositati nella biopellicola orale, che, indurendosi in sole 24-72 ore, si trasformano in tartaro. La conseguenza è che mentre la placca puoi anche rimuoverla direttamente a casa, la rimozione del tartaro richiede l’aiuto obbligatorio di un dentista.

Lo sapevi che il 68% degli adulti ha il tartaro sui denti? Il tartaro, chiamato anche calcolo dentale, è un deposito di colore giallo o marrone che si forma quando la placca si indurisce sui denti. Poiché l’accumulo di tartaro sui denti è fortemente legato allo smalto dei denti, esso potrà essere rimosso solamente con l’aiuto di un dentista. I rischi maggiori di sviluppare il tartaro si hanno in genere con gli apparecchi dentali, con una bocca secca, con denti molto vicini tra loro, con fumo ed invecchiamento.

L’accumulo di tartaro varia notevolmente da individuo a individuo. Per molti, questi depositi si accumulano più velocemente con l’avanzare dell’età.

filo interdentale per rimuovere placca dentale

Che cosa provoca la placca dentale e il tartaro?

Quando saliva, cibo e fluidi si combinano nella bocca, producono un ambiente che permette ai batteri di crescere e depositarsi su denti e gengive, soprattutto nei punti dove denti e gengive si incontrano. Gli alimenti più comuni che contribuiscono alla formazione e alla crescita della placca includono quelli che contengono carboidrati o comunque zuccheri semplici come il saccarosio e gli amidi, presenti nelle bevande analcoliche e nelle caramelle.

Mangiare alimenti ad alto contenuto zuccherino come ad esempio torte, dolci e frutta può causare un aumento dei batteri della placca. I batteri della placca possono portare alla gengivite, alla carie e alla malattia periodontale, quindi è fondamentale adottare misure per il trattamento e la prevenzione.

La placca si nasconde tra i denti e sotto la linea delle gengive. Non c’è modo di evitarla completamente, quindi è importante mantenere una buona routine di igiene orale per evitare che questa si accumuli velocemente.

Alcuni alimenti, in particolare i carboidrati (alimenti che contengono zuccheri o amidi), latte, bibite, dolci e caramelle contribuiscono notevolmente alla crescita della placca.

Individuare i primi segni della placca sui denti

Anche se la placca può essere in genere di colore giallo chiaro, possiamo trovarci difronte anche a casi di presenza di una placca totalmente incolore e quindi difficile da individuare. Ecco perché è fondamentale mantenere una buona igiene orale e consultare il proprio dentista ogni sei mesi per un controllo. Il dentista tramite l’utilizzo di specchi dentali sarà in grado di individuare la placca anche nei luoghi più difficili da vedere e potrà quindi raschiarla via dai denti con un ablatore dentale. Ogni set di denti è unico, quindi è fondamentale rivolgersi al proprio dentista per consigli di spazzolatura e utilizzo del filo interdentale al fine di evitare la formazione di placca.

Se vuoi sapere se stai rimuovendo correttamente la placca, prova ad individuarla colorandola con compresse di evidenziazione disponibili in farmacia. Con la colorazione e l’esposizione della placca, sarà più semplice capire in quale punto bisognerà spazzolare meglio e passare il filo interdentale in modo da poter rimuovere efficacemente il tutto. Le eventuali macchie prodotte dalle compresse possono essere facilmente spazzolate via.

Condizioni relative alla placca dentale e tartaro

Ma perché la placca è un problema così serio? Se non si prendono le misure necessarie per prevenire ed eliminare la placca, essa può portare a:

  • Carie: gli acidi prodotti dai batteri della placca possono abbassare il livello del pH riuscendo quindi a mangiare via lo smalto dai denti.
  • Gengivite: l’accumulo di batteri della placca può causare l’infiammazione delle gengive.
  • Alitosi: l’accumulo di placca provocato da una scarsa igiene orale può anche causare un cattivo odore nella bocca.

Passi per prevenire la formazione di placca e tartaro

Una corretta igiene orale è il primo passo per impedire la formazione della placca sui denti ed è quindi il metodo migliore per prevenire il tartaro. Per aiutare a prevenire il tartaro, assicurarsi sempre di spazzolare bene tutti i denti e utilizzare un collutorio almeno due volte al giorno, preferibilmente con un dentifricio per il controllo del tartaro come quello della Crest; inoltre è bene utilizzare un filo interdentale almeno una volta al giorno. Effettuare inoltre visite regolari presso lo studio dentistico per esami orali e pulizie. Crest inoltre può essere d’aiuto con i prodotti giusti per una routine giornaliera.

  • Visitare un dentista ogni 6 mesi.

Gli adulti che vedono regolarmente i propri dentisti hanno meno probabilità di avere malattie dentali correlate alla placca.

  • Scegliere un dentifricio anti-placca al fluoro.

Come il dentifricio Crest PRO-HEALTH Advanced.

  • Utilizzare il filo interdentale

Utilizzare il filo interdentale ogni giorno per rimuovere le particelle di cibo e la placca accumulata fra i denti. Per prevenire l’accumulo di placca, assicurarsi di utilizzare una volta al giorno un prodotto come Glide Floss e spazzolare i denti almeno due volte al giorno con un dentifricio anti-placca al fluoro, come Crest Pro-Health Toothpaste.

  • Utilizza uno spazzolino da denti elettrico

Utilizzare uno spazzolino elettrico e ricordarsi sempre di sostituire la testina ogni 3 mesi. Ricordarsi quindi di sostituire la testina se si parla di uno spazzolino elettrico, o lo spazzolino intero se parliamo di un modello tradizionale, sempre ogni tre mesi o comunque non appena le setole sembreranno usurate

  • Evitare il fumo

Per ridurre il rischio di aumentare sia placca che tartaro, evitare il fumo.

  • Utilizzare un buon collutorio

Crest PRO-HEALTH Multi-Protection è l’ideale per prevenire la formazione di placca sui denti. Esso fornisce alla tua routine una protezione 24 ore su 24 contro la placca e la gengivite, senza la bruciatura dell’alcool. Da provare anche Crest® PRO-HEALTH Advanced con extra protezione contro il tartaro per combattere le carie e prevenire il tartaro.

Rimozione della placca dentale e del tartaro

Sono due i metodi principali per rimuovere efficacemente la placca dai denti: utilizzando il movimento meccanico della spazzolatura e del filo interdentale o esporre la placca agli ingredienti antibatterici per ucciderli e riportare quindi la bocca ad uno stato di salute ottimale. Se si è alla ricerca di una routine completa e di metodi da applicare direttamente a casa, consultare la nostra procedura qui in basso.

  • Spazzolare i denti ancora meglio:

L’utilizzo di uno spazzolino elettrico è uno dei metodi più efficaci per sbarazzarsi della placca. Assicurarsi quindi di spazzolare i denti per almeno 2 minuti, due volte al giorno, ogni giorno. Ricordarsi inoltre di sostituire la testina dello spazzolino elettrico ogni 3 mesi.

  • Utilizzare il filo interdentale:

Capita spesso che i cibi restino intrappolati fra i denti, e se si effettua una pulizia accurata ogni giorno, i batteri possono svilupparsi formando la placca. La spazzolatura da sola non basta a ripulire tutti gli spazi della bocca, per cui è necessario imparare bene ad utilizzare il filo interdentale.

  • Utilizzare un dentifricio anti-placca.

I dentifrici al fluoro anti-placca sono un’ottima soluzione per combattere la placca.

  • Sciacquare con un buon collutorio

Un buon collutorio aiuta a combattere la placca già presente e ne impedisce la formazione, inoltre è utile per uccidere i batteri.

L’accumulo di tartaro, che aderisce fortemente allo smalto, deve essere rimosso per forza da un dentista, per cui è fondamentale prevenire e comunque rimuovere la placca prima che questa diventi un problema più serio. Se si cominciano a vedere i primi segni di un accumulo di tartaro, assicurarsi di vedere immediatamente il proprio dentista.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Skip to toolbar